La Cavalcata dei Magi 2019

da | Feb 1, 2019 | News, Secondaria, slides | 0 commenti

La Cavalcata dei Magi è un evento dove sfiliamo con vestiti rinascimentali per Borgo e inoltre dobbiamo suonare e cantare in Pieve. E’ un evento che viene fatto per beneficienza per restaurare l’Organo Stefanini. La Professoressa Marilisa Cantini, ci disse che ci saremo divisi in 3 gruppi: uno che cantava, uno che ballava e uno che suonava. La Prof. Cantini ci disse anche che per far parte del gruppo che ballava, dovevamo imparare alcune danze con il maestro Angelo Paolo De Lucia, per far parte del coro dovevamo imparare i testi: ‘Su su leva alza le ciglia’ e ‘Gloria in Cielo’ e per far parte dell’orchestra invece, dovevamo suonare ‘Il Saltarello’ e ‘Su su leva alza le ciglia’. Ci disse che ci sarebbero state delle prove nel 6, 13 e 20 di dicembre e nel 3 e 10 di gennaio, per prepararci al 12 di gennaio, il giorno della Cavalcata.

Io decisi di far parte della Cavalcata e così, in estate mi preparai a studiare ‘Su su leva alza le ciglia’ e ‘Il Saltarello’.‘Su su leva alza le ciglia’ è stato abbastanza facile da imparare. Per ‘Il Salterello’ invece mi ci è voluto un po’ ma, alla fine, ce l’ho fatta e sono entrata a far parte dell’orchestra.

E’ arrivato il primo giorno delle prove. Ero un po’ eccitata perché non sapevo cosa mi aspettasse. Le prove erano a scuola e iniziavano alle 14.30. Appena siamo entrati in Aula Magna, ci siamo seduti e il maestro Angelo Paolo De Lucia ha iniziato a spiegarci come si vestivano e come vivevano nel 1400. Dopo aver ascoltato la sua spiegazione, chi ballava è andato a ballare con lui nell’atrio della scuola, chi cantava è rimasto in Aula Magna con la Professoressa Cantini e chi suonava è andato con un Professore nell’aula di musica. Il 13 dicembre invece, il maestro Angelo Paolo De Lucia, ci ha spiegato come vivevano nel 1500 e ci ha mostrato degli abiti rinascimentali. Il 20 dicembre ci ha spiegato come vivevano nel 1600. Il 3 gennaio, non abbiamo provato a scuola, ma siamo andati in Pieve a vedere come sarebbero state le nostre postazioni. Infine il 10 gennaio, ci siamo esercitati a scuola.

E’ arrivato il gran giorno. Avevamo utilizzato un’ora di scuola per esercitarci a suonare e a provare, perché il nostro spettacolo doveva essere impeccabile. Finita la scuola, alle 14.00 siamo andati davanti al centro giovanile, dove c’erano già alcune persone vestite con vestiti rinascimentali, che si stavano esercitando. Finalmente i Professori ci hanno chiamati e così siamo entrati ai Salesiani e ci hanno vestiti. Ci hanno messo addosso una specie di tessuto colorato e in testa ci hanno messo una fascia morbida. Appena fummo tutti vestiti, ci siamo messi in fila per due, per andare a Villa Pecori Giraldi.

Appena siamo arrivati laggiù, ci siamo disposti in due file e stavamo aspettando i gruppi che tenevano le bandiere e quello con i cavalli, mentre i genitori ci facevano le foto. Dopo che quei gruppi erano arrivati, ci siamo incamminati verso la Pieve. Durante il tragitto abbiamo fatto delle pause, recitando il Trionfo di Bacco e Arianna, dove un bambino recitava le “strofe” e poi tutti insieme recitavamo il ritornello. Dopo un lungo tragitto, prima di tornare in Pieve, ci siamo fermati nella Piazza del Popolo, perché i ragazzi che dovevano ballare, dovevano esibirsi. Sono stati molto bravi e i balletti erano molto lunghi. Dopo un po’ siamo entrati in Pieve e siamo andati tutti alle nostre postazioni. Ero agitatissima e avevo paura di sbagliare. Mentre stavamo aspettando che gli altri finissero di fare i balletti, abbiamo iniziato a provare le canzoni. Dopo circa 30 minuti, abbiamo sentito un suono di tamburi e il portone davanti a noi si è aperto. La Professoressa Cantini ha iniziato a suonare l’organo e intanto entrarono i Re Magi e dietro a loro il corteo. I Re Magi sono andati a dare i loro doni a Gesù Bambino, il corteo si è messo seduto in prima fila e gli sbandieratori si erano messi ai lati del “corridoio”. All’inizio ero agitatissima: avevo il corteo davanti che mi fissava e avevo tanta paura di sbagliare. Finalmente iniziammo a suonare. Come prima canzone suonammo‘Il Salterello’. All’inizio non andavamo tanto a tempo, ma dopo ci siamo ripresi e siamo stati molto bravi. Dopo abbiamo suonato e cantato ‘Su su leva alza le ciglia’ e siamo stati molto bravi. Dopo aver finito di cantare e suonare questi brani, ero sollevata, finalmente la parte più difficile l’avevamo fatta e ora dovevamo cantare ‘Gloria in Cielo’ e, anche lì, è andato tutto bene. Dopo aver finito la nostra esibizione, abbiamo riportato i vestiti ai Salesiani e siamo tornati a casa.

E’ stata una giornata lunga, fredda e stancante ma mi sono divertita molto. La mia parte preferita è stata quando la Professoressa Cantini ha iniziato a suonare l’organo e sono entrati i Re Magi e il corteo.

E’ stata una giornata bella e indimenticabile.

Clara Zagli

Foto di Bernardo Baluganti